Come si produce l’olio d’oliva?

L’olio d’oliva contiene proprietà meravigliose che giovano alla salute. I vantaggi della sua assunzione dipendono dalla sua qualità, che è determinata dalla varietà di olive utilizzate nella sua produzione, dal metodo utilizzato per produrlo e dalla corretta conservazione del prodotto finale.

Produzione di olio d’oliva

L’olio di oliva è una sostanza grassa di origine vegetale che si ottiene direttamente dall’oliva, la sua polpa è una ricca fonte di proprietà che vengono utilizzate principalmente nel mondo gastronomico.

Il processo di produzione dell’olio d’oliva prevede una serie di fasi, l’oliva viene sottoposta a procedure fisiche fino a quando tutto il meraviglioso liquido viene estratto dalla polpa dell’ulivo. Se vuoi saperne di più sui benefici che l’olio d’oliva offre al tuo corpo, visita gli altri nostri articoli già disponibili.

Fase di raccolta

Tutto inizia nella stagione della raccolta delle olive, che cade tra i mesi di ottobre e dicembre (dal tardo autunno all’inizio dell’inverno).

La composizione chimica dell’olio cambia con il passare del tempo, il gusto e l’aroma si ammorbidiscono. Il colore risente anche della stagione della raccolta delle olive, in quanto può virare dal tradizionale verde al giallo.

È consuetudine utilizzare olive non ancora cadute dall’albero, in quanto il sapore è più intenso.

Una volta che il frutto è a terra, la qualità dell’olio ottenuto si deteriora e si nota un aumento dell’acidità una volta lavorata.

I frutti caduti a terra non possono essere mischiati con quelli raccolti dall’albero, in quanto alterano il sapore dell’intera produzione.

Le tecniche per ottenere le olive da albero più utilizzate sono le seguenti:

  • Mungitura: Il frutto viene prelevato dall’albero con una procedura che normalmente viene eseguita a mano, o con assistenza meccanica.
  • Vareo: L’albero viene colpito con un bastone in modo che le olive cadano a terra e si proceda alla loro raccolta immediata.
  • Vibrazione: comporta lo scuotimento meccanico dei rami dell’olivo in modo che le olive cadano.

Per raccogliere i frutti da terra, è consuetudine posizionare delle coperte sotto l’albero per facilitare la raccolta.

Processo di produzione dell’olio d’oliva

In una prima fase le olive vengono pulite per eliminare ogni possibile residuo di foglie, terra o piccoli sassi che possono contenere.

Successivamente vengono posti in uno spazio chiamato troje, che è una stazione antecedente al frantoio, dove verrà lavorato, entro 24 ore dalla raccolta.

Successivamente si procede alla fase di molitura, per la quale le olive vengono trasportate nel luogo in cui verranno lavorate affinché rilascino l’olio in esse contenuto mediante metodi di pressione meccanica.

Nel processo di molitura le olive vengono frante intere, i frutti vengono spremuti meccanicamente e sistematicamente, solitamente si utilizzano macine a martelli oa pietra.

Quando l’oliva è completamente schiacciata, è il turno del frullato, dove la pasta che si è formata viene introdotta in un contenitore con l’idea di sottoporla alla centrifuga.

Qui gli elementi solidi vengono separati dal liquido oleoso, tra questi c’è il resto della polpa, l’osso e la buccia dell’oliva.

Il processo di decantazione o centrifugazione viene utilizzato per raggiungere questo obiettivo. L’impasto viene filtrato e una volta che l’olio è completamente pulito e privo di parti solide, viene conservato.

Il materiale più utilizzato per conservare l’olio d’oliva è l’acciaio inossidabile, i contenitori proteggono il liquido dall’azione dell’aria e della luce.

L’olio deve essere mantenuto ad una temperatura compresa tra i 15 ei 18 gradi centigradi, poiché favorisce la conservazione e mantiene il contenuto lontano dal processo di ossidazione.

Interessante, vero? Ora sai tutto ciò che comporta portare questo meraviglioso prodotto naturale sulla tua tavola, in modo che tu possa consumarlo e giovare alla salute del tuo corpo in generale. Accompagnare i pasti con quest’olio potrebbe essere considerato come l’ultima fase del processo, a cui è destinato, godere dei suoi benefici.

Lascia un commento